Due neonati morti per errori medici, 4 arresti

Rated: , 0 Comments
Total hits: 49
Posted on: 04/21/16
È scaturita da alcune telefonate intercettate nell'ambito di indagini della Dda di Reggio Calabria su personaggi gravitanti  a vario titolo nell'orbita della cosca di 'ndrangheta De Stefano l'operazione "Mala Sanitas" che ha portatostamane all'esecuzione di 4 misure restrittive nei confronti di 4 sanitari operanti o già in servizio nei reparti di Ostetricia e Ginecologia, di Neonatologia e di Anestesia dell'ospedale "Bianchi-Melacrino-Morelli" della città dello Stretto. Gli indagati devono rispondere dei reati di falso ideologico e materiale; di soppressione, distruzione e occultamento di atti veri nonchè di interruzione della gravidanza senza consenso della donna.

Si tratta, in particolare, di 4 misure cautelari degli arresti domiciliari nei confronti di medici e di  7 misure interdittive della sospensione dell'esercizio della professione, medica o sanitaria, per la durata di 12 mesi, a carico di 6 medici e di un'ostetrica.

L'attività investigativa svolta dal Nucleo di Polizia Tributaria - G.I.C.O. di Reggio Calabria avrebbe permesso di verificare l'esistenza di un sistema di "copertura" illecito, condiviso - sempre secondo gli inquirenti - dall'intero apparato sanitario, che è stato attuato tutte le volte in cui nel corso di interventi su gestanti o pazienti, qualcosa fosse andato storto, per evitare di incorrere in responsabilità giudiziarie.

Nello specifico, da intercettazioni attivate dalla Dda su un'utenza intestata all'Azienda Ospedaliera e in uso ad Alessandro Tripodi, medico ginecologo nel reparto "Ginecologia e Ostetricia" nonché nipote di Giorgio De Stefano, 68 anni, cugino dei capi storici della cosca omonima, sarebbero emersi numerosi episodi di malasanità dovuti a reati di colpa medica e di falsità in atto pubblico da parte del personale coinvolto. Gli atti sarebbero perciò passati alla Procura ordinaria che ha disposto ulteriori attività di intercettazione telefonica, raccogliendo le dichiarazioni delle pazienti, acquistendo cartelle cliniche e disponendo consulenze tecniche.

Dalle conversazioni intercettate sarebbero emersi il decesso, in due distinti casi, di due bimbi appena nati, le irreversibili lesioni di un altro bimbo dichiarato invalido al 100%, i traumi e le crisi epilettiche e miocloniche di una partoriente, il procurato aborto di una donna non consenziente nonchè le lacerazioni strutturali ed endemiche di parti intime e connotative di altre pazienti. Per coprire le responsabilità derivanti dagli errori medici commessi, il personale sanitario avrebbe, con varie modalità, manipolato le cartelle cliniche, introducendovi documenti falsi, alteraldone alcune parti con il bianchetto e distruggendone altre.

Secondo la Procura, la complessa attività investigativa svolta dalle Fiamme Gialle di Reggio Calabria avrebbe fatto emergere "l'esistenza di una serie di gravi negligenze professionali e la "assoluta freddezza e indifferenza verso il bene della vita".





>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment

Login


Username:
Password:

forgotten password?